L’INFLUENZA POSITIVA DEGLI INFLUENCER di Maria Antonietta Balvis e Marta Seddone

Con questo gioco di parole inizia il nostro
articolo e sarà chiaro ormai a tutti quale sarà l’argomento che tratteremo: gli influencers.
Questo ruolo, che con la mostruosa avanzata del progresso tecnologico e dell’influenza mediatica è diventato immanente nella vita di tutti i giorni, è probabilmente nato solo per gioco, ispirato dal suo antenato blogger. Ora, chiunque voglia diventare un colosso dei social media, può farlo con un semplice strumento, in mano a tutti, e un pizzico di fortuna
Di recente ci siamo trovate a discutere sul fatto che questo mestiere sia stato spesso ingiustamente demonizzato. È infatti un’occupazione estremamente discussa in quanto, fino a pochissimo tempo fa, non era riconosciuta come un vero e proprio lavoro, (e talvolta ancora adesso non viene considerato come un vero lavoro) bensì veniva reputata una forma di guadagno “furba” e ideale per persone nullafacenti. E, probabilmente, in molti casi è così; ma noi siamo qui per mostrarvi l’altra faccia della medaglia, cioè quelli in cui gli influencers si sono
dimostrati più che degni della posizione acquisita.
Il primo esempio è la famosissima (e per di più nostrana) @chiaraferragni, che iniziando con un semplice blog, in pochi anni è riuscita a fondare un vero e proprio impero in scala mondiale, collaborando con tantissimi brand di alto rango come Gucci, Dolce & Gabbana, Louis Vuitton, per poi fondare un suo brand di moda con negozi sparsi in tutto il mondo, per un totale di oltre 300
boutique.

Una ragazza che prima ancora di essere un’imprenditrice digitale, è una persona dotata di grande empatia e bontà
d’animo, qualità mostrate egregiamente insieme a suo marito Fedez, soprattutto quest’anno durante la pandemia di COVID-19. La coppia è infatti entrata a far parte di associazioni benefiche no-profit milanesi per aiutare chi è stato messo in ginocchio dalla crisi, ha invitato i propri follower a trascorrere le vacanze estive nel “Bel Paese”, essendo loro stessi d’esempio, recandosi prima in Sardegna e visitando l’entroterra e poi in Puglia (ovviamente in tutta
sicurezza).
Ancora possiamo citare la non-altrettanto conosciuta @carlottavagnoli, anche lei influencer che vediamo impegnata in numerosissime cause, prima fra tutte la violenza sulle donne. Emblematico è il post che vede lei nuda, senza filtri, dove esprime il suo concetto di intimità in relazione a un fatto di cronaca recentemente accaduto che vede vittima di Revenge Porn un’insegnante, per questo licenziata dal datore di lavoro. Come didascalia di tale foto scrive: “L’intimità è sempre stata femmina e questo ha contribuito a farci avere dubbi, segreti e poca informazione sui nostri corpi […] Ma quando mi sento distante dalla mia fisicità mi metto nuda davanti allo specchio e ripercorro tutte quelle linee che non dovremmo mai esporre e le trovo sempre meno intime, sempre più rumorose e sempre più rivoluzionarie.” Con questo bellissimo post (che vi invitiamo a leggere, se ancora non lo avete fatto), vuole lanciare prima di tutto un messaggio di denuncia alla società che vede il corpo femminile come un tabù, contribuendo a renderci ignoranti sulle cose che lo riguardano, tanta è l’aura di vergogna che lo circonda. Con la frase citata sopra, Carlotta ha sicuramente voluto dire che l’unica arma che possiamo usare per uscirne è l’amor proprio, imparare a volersi bene e a non aver paura dei nostri stessi corpi, cercando
semplicemente di ascoltarli e capire di cosa hanno bisogno.
Un altro esempio ancora è @avvocathy (Cathy La Torre) attivista, influencer e avvocato. Impegnata a pieno nella lotta per l’uguaglianza e l’eliminazione dell’intolleranza, sostiene che non esistano cause perse, ma solo cause che devono ancora essere combattute. Questo concetto è approfondito nel suo libro, uscito di recente, dal titolo “Nessuna causa è persa”. Esercita la sua professione nella vita reale ma anche sui social, in cui riporta e discute i più disparati fatti di cronaca, quasi come scrivesse vere e proprie arringhe. Espone sia fatti positivi,
“passi avanti” della società, che negativi (spesso violazioni dei diritti umani).

Troviamo poi un account gestito da una coppia, @papaperscelta, due ragazzi di nome Carlo e Christian. Due papà, che sfruttano il loro profilo per raccontare la quotidianità di una famiglia arcobaleno, diffondendo consigli e cultura sull’omogenitorialità. Purtroppo non mancano insulti e calunnie di utenti omofobi, ai quali rispondono sempre con grande gentilezza ed educazione, cercando di far capire che l’amore è bello
in qualsiasi forma si presenti. Un concetto importante che vogliono sottolineare è quello di famiglia: questa non ha
una struttura specifica, non è una cosa unilaterale da vedere in un solo modo. Famiglia è dove ci si sente a casa, dove c’è amore e rispetto.
Per ultimi, non per importanza, vorremmo citare un’altra coppia, @raissarussi e @mibayed (Mohamed Bayed), due giovani torinesi quotidianamente impegnati nella lotta contro le discriminazioni razziali. A causa delle origini e delle scelte religiose, i due sono, nella maggior parte dei casi, soggetti a delle “shitstorms”, ossia a dimostrazioni di odio puro e immotivato. Tramite uno spiccato senso dell’umorismo, mettono volutamente in luce l’errore che commette chi commenta con l’intento di ferire, e lo rendono motivo di risate. La risposta che i due hanno riservato agli haters e la lezione che ci insegnano è proprio questa: rispondere all’odio con il sorriso.
Con questi modelli, sicuramente pochi rispetto alla moltitudine di influencers che portano avanti propositi nobili e positivi, speriamo di aver sottolineato l’utilità dei social, e quanto un uso intelligente di questi possa essere di
arricchimento per le nostre conoscenze.
Non soffermiamoci solo sugli aspetti negativi (alcuni espressi nell’articolo
dell’edizione precedente, non perdetevela!) che la tecnologia indiscutibilmente ha, ma guardiamo anche come possa essere fonte preziosa
di princìpi ed insegnamenti.
Con questo articolo speriamo di avervi offerto uno spunto di riflessione, e magari avervi fatto conoscere nuovi profili interessanti da seguire.
Alla prossima!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.